Leader europeo della gestione della sicurezza, il Gruppo Servizi Associati di Tavagnacco, ha presentato un nuovo ed evoluto sistema di spegnimento incendi per le gallerie chiamato ITunnel. Con la possibilità di essere gestito da remoto, tale dispositivo è in grado di intervenire prontamente nelle gallerie automobilistiche, metropolitane e ferroviarie e in piena autonomia qualora ce ne fosse bisogno per spegnere sul nascere un potenziale incendio. Dotato di tre sensori e di tre telecamere a infrarossi, questo impianto robotizzato a doppio sitema di spegnimeto è in grado di  viaggiare ad una velocità di circa 50 chilometri orari su una rotaia aerea montata lungo la volta della galleria, nella quale è installato un condotto adibito al rifornimento di schiume e acqua. L' ITunnel è capace di valutare, previa individuazione, l'entità dell' incendio in modo tale da gestire i dosaggi di schiuma e acqua. Inoltre nel caso in cui fossero presenti delle persone, è persino in grado di regolarsi affinchè l'intervento che andrà ad effettuare non sia dannoso per l'uomo. Tale accorgimento, afferma Alessandro Pedone, l'azionista di punta del GSA, differenzia ITunnel dagli altri sistemi completamente automatizzati, i quali non possono effettuare tale operazione in quanto agirebbero sul problema in modo standardizzato. Questo pompiere hi-tech non sarà da solo nelle gallerie, la proposta è quella di posizionare un altro dispostivo, in modo tale che l'ITunnel possa lavorare in coppia. In più, vi saranno dei robot aggiuntivi posizionati ogni chilometro per gestire meglio le situazoni di pericolo. In termini di potenza questa coppia di "pompieri" equivale a 32 vigili del fuoco dotati di un equipaggiamento standard in quanto ogni robot ha montato due lance con una portata di mille litri al minuto. Il corpo dei vigili del fuoco avrà anche la possibiltà di gestire al meglio ogni situazione controllando il mezzo direttamente da un pannello posto in galleria, in modo tale che collabori con loro nelle operazioni. ITunnel è anche altro! Ebbene sì, questo nuovissimo dispositivo può anche svolgere altre mansioni ed essere affiancato da altri sistemi, rendendolo così in grado di effettuare tutti quei lavori di routine all'interno del tunnel: la pulizia delle pareti, nei mesi freddi la rimozione del ghiaccio dall'asfalto e infine la gestione del traffico durante gli orari di punta e i periodi estivi.